mail unicampaniaunicampania webcerca

    Corso di Laurea Magistrale in Filologia Classica e Moderna

    bandiera it

    Classe di Laurea: LM-14 - Filologia moderna  & LM-15 Filologia, letterature e storia dell'antichità

    Durata: 2 anni

    Crediti: 120 CFU

    Presidente del CdS: Prof. Luca Frassineti

    Il Corso di Laurea magistrale interclasse unisce due percorsi, il primo di filologia, letteratura e storia dell'antichità, il secondo di letteratura, filologia e discipline storiche moderne. Esso rappresenta la naturale evoluzione e il necessario compimento del corso triennale in Lettere attivo presso il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali (DiLBeC), anche in virtù della straordinaria ricchezza culturale del territorio di appartenenza, ove si distinguono, fra le altre, istituzioni scolastiche secondarie di antica tradizione umanistica: presupposti importanti per lo sviluppo degli studi universitari, sia sul fronte antico sia sul fronte moderno.

    bandiera en

    Classical and Modern Philology

    Duration:  2 full years
    Credits: 120
    Head of Studies: Professor Luca Frassineti

    The Master's Degree Program is a combination of two courses. The first regards the study of Philology, Literature and the History of Antiquity, while the second insists on the disciplines of Literature, Philology and Modern History. The Program represents the natural evolution and the necessary fulfillment of the three-year Bachelor’s Degree Program in Humanities presently running at Department of Humanities and Cultural Heritage (DiLBeC). The extraordinary cultural richness of the territory in which the Department itself is located, along with the many upper secondary schools with a strong ancient humanistic tradition, constitutes an important condition for the furtherance and development of a highly dedicated university education which is well-grounded in both ancient and modern studies.

     

      ISCRIVITI

      Orario lezioni

      Calendario esami

      Sedute di laurea

      Insegnamenti attivi nell'a.a. 2019-2020

      Insegnamenti attivi nell'a.a. 2018-2019

      Qualità della didattica

     

    Descrizione del Corso

    ll Corso di Studio Magistrale Interclasse in Filologia Classica e Moderna, di durata biennale (per un totale di 120 CFU), si propone di fornire un'approfondita e aggiornata consapevolezza della complessità dei testi letterari e funzionali, mettendo a disposizione dello studente mezzi di approfondimento dal punto di vista ecdotico, interpretativo, linguistico e storico. Pur nella sostanziale coincidenza delle metodologie di fondo pertinenti lo studio, l'edizione, l'esegesi e la ricezione dei testi, la distinzione in due percorsi, l'uno rivolto alla tradizione del mondo antico (LM-15), l'altro alla cultura dell'età moderna (LM-14), nasce dalla constatazione della ricchezza e delle potenzialità collegate alle vicende quasi trimillenarie del territorio ove il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali (DiLBeC) opera, all'insegna del senso e del valore legati all'eredità classica e a quella umanistica.
    In tal senso, il CdS magistrale rappresenta la naturale evoluzione e il necessario compimento della Laurea Triennale in Lettere (classe L-10) attiva anche presso il DiLBeC. Il CdS magistrale resta comunque aperto all'accoglienza di laureati triennalisti provenienti da altre classi, purché in possesso di almeno 36 CFU riconducibili alla maggioranza dei settori scientifico-disciplinari a carattere filologico-letterario, linguistico-letterario e storico (sia antico sia moderno), nonché a specifici settori scientifico-disciplinari a carattere demoetnoantropologico, pedagogico, psicologico e giuridico. Laddove questi requisiti minimi dovessero mancare, potrà sempre essere valutato un percorso ad hoc per il recupero dei CFU richiesti per l'ammissione.
    Le figure professionali che il CdS intende formare potranno proseguire nella ricerca (Dottorato) presso le Università e i centri di ricerca, oppure operare, con specifico grado di responsabilità, nelle istituzioni culturali, nell'industria editoriale-scolastica, divulgativa o scientifica.
    I laureati che avranno crediti formativi in numero sufficiente in opportuni gruppi di settori scientifico-disciplinari (come previsto dalla legislazione vigente) potranno partecipare alle prove di ammissione ai concorsi per l'insegnamento della scuola secondaria di primo e di secondo grado.
    Il CdS intrattiene numerose convenzioni di accordo Erasmus per scambio di studenti.
    Dall'a.a. 2015-2016, per un numero selezionato di studenti del percorso moderno che provvedano a inoltrare richiesta preventiva all'inizio del primo anno, è attiva la possibilità di conseguire il doppio titolo (double degree) in "Dottore in Filologia Moderna" e "Master in Linguistica", con una delle principali istituzioni accademiche della Federazione Russa, la State Linguistic University di Pyatigorsk (capoluogo del Circondario federale del Caucaso Settentrionale).

    Obiettivi formativi

    Obiettivo formativo specifico del percorso di studi è costruire delle competenze nel settore della lettura e della interpretazione del testo letterario. Intorno alla centralità del testo ruotano i due percorsi, quello modernistico (LM-14) e quello antichistico (LM-15), che concorrono, ciascuno nella propria specificità, a far sì che i discenti, al termine del percorso di studi possano:
    • conseguire una piena competenza nel settore della produzione e della comunicazione letteraria ;
    • acquisire, parallelamente, competenze linguistiche e filologiche, tali da consentire loro il possesso di un corretto metodo di analisi e di interpretazione critica dei testi letterari prodotti dalle civiltà europee;
    • maturare una piena consapevolezza dei contesti storici entro cui si sono sviluppate le esperienze critiche e letterarie dall'antichità all'età contemporanea.
    • sviluppare, infine, capacità di ricerca, di studio e di diffusione del sapere nell'ambito delle discipline filologico-letterarie;
    La costituzione della base formativa comune a tutti gli iscritti al corso di laurea magistrale interclasse si ottiene attraverso l'attivazione dei settori disciplinari comuni agli ordinamenti delle due lauree magistrali, integrati con una opportuna selezione di discipline affini o integrative. In particolare, la base formativa comune dei due corsi comprende tutti i settori caratterizzanti presenti sia in L-M 14, sia in L-M 15, senza esclusione alcuna.In funzione del conseguimento degli obiettivi formativi specifici, sono organizzati lezioni frontali, seminari, laboratori, esercitazioni ed altre iniziative promosse dall'Ateneo; sono, inoltre, previsti soggiorni di studio all'estero, all'interno dei programmi istituzionali di scambi culturali.

    Sbocchi occupazionali e professionali

    I laureati nella laurea magistrale interclasse Filologia classica e moderna possono proseguire nella ricerca presso le Università e i centri di ricerca, oppure operare, con specifico grado di responsabilità, nelle istituzioni culturali, nell'industria editoriale-scolastica, divulgativa o scientifica.

    funzione in un contesto di lavoro:
    Raccolta ed elaborazione di dati complessi letterari, filologici, storici.
    Formulazione di testi divulgativi e scientifici.
    Coordinamento di ricerche nei campi disclipinari del corso.
    Tutela del patrimonio archivistico, bibliotecario e documentario.
    competenze associate alla funzione:
    Consulenza nel campo della conservazione dei beni arichivistici e librari.
    Realizzazione di ricerche nel campo storico letterario e documentario.
    Mediaziazione linguistica e culturale.
    sbocchi professionali:
    Enti e istituti culturali pubblici e privati (biblioteche e archivi) per i quali è prevista la laurea in settori storico-letterari,
    Giornalismo tradizionale e sul web.
    Addetto alla comunicazione per enti privati e pubblici.
    I laureati che avranno crediti formativi in numero sufficiente in opportuni gruppi di settori scientifico-disciplinari potranno partecipare alle prove di ammissione ai concorsi per l'insegnamento della scuola secondaria di primo e di secondo grado (come previsto dalla legislazione vigente).

    Requisiti di ammissione

    Per l'accesso alla Laurea Magistrale interclasse in Filologia Classica e Moderna è richiesta una buona cultura umanistica con un'adeguata preparazione nelle discipline linguistiche e letterarie e la conoscenza di una lingua straniera europea a livello B1 (con riferimento alla classificazione CEFR - Common European Framework of Reference for Languages). È altresì auspicabile che lo studente sia in grado di utilizzare i principali strumenti informatici.
    Ai sensi dell'art. 6, comma 2. del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, l'accesso viene subordinato al possesso dei seguenti requisiti:
    Laurea Triennale in Lettere (classe L-10), o titolo equipollente (italiano o estero), ovvero, in alternativa
    Laurea Triennale o Laurea Magistrale conseguite in altre classi
    a) con un minimo di 36 CFU acquisiti tra i seguenti SSD:

    L-FIL-LET/02 (Lingua e Letteratura Greca)
    L-FIL-LET/04 (Lingua e Letteratura Latina)
    L-FIL-LET/05 (Filologia Classica)
    L-FIL-LET/06 (Letteratura Cristiana Antica)
    L-FIL-LET/07 (Civiltà Bizantina)
    L-FIL-LET/08 (Letteratura Latina Medievale e Umanistica)
    L-FIL-LET/09 (Filologia e Linguistica Romanza)
    L-FIL-LET/10 (Letteratura Italiana)
    L-FIL-LET/11 (Letteratura Italiana Contemporanea)
    L-FIL-LET/12 (Linguistica Italiana)
    L-FIL-LET/13 (Filologia della Letteratura Italiana)
    L-FIL-LET/14 (Critica Letteraria e Letterature Comparate)
    L-LIN/01 (Glottologia e Linguistica)
    L-LIN/02 (Didattica delle Lingue Moderne)
    L-LIN/03 (Letteratura Francese)
    L-LIN/05 (Letteratura Spagnola)
    L-LIN/08 (Letterature Portoghese e Brasiliana)
    L-LIN/10 (Letteratura Inglese)
    L-LIN/13 (Letteratura Tedesca)
    L-ANT/02 (Storia Greca)
    L-ANT/03 (Storia Romana)
    M-STO/01 (Storia Medievale)
    M-STO/02 (Storia Moderna)
    M-STO/03 (Storia dell'Europa Orientale)
    M-STO/04 (Storia Contemporanea)
    M-STO/06 (Storia delle Religioni)
    M-STO/08 (Archivistica, Bibliografia e Biblioteconomia)
    M-STO/09 (Paleografia)
    M-DEA/01 (Discipline Demoetnoantropologiche)
    M-FIL/03 (Filosofia Morale)
    M-PED/01 (Pedagogia Generale e Sociale)
    M-PED/03 (Didattica e Pedagogia Speciale)
    M-PED/04 (Pedagogia Sperimentale)
    M-PSI/01 (Psicologia Generale)
    M-PSI/04 (Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dell'Educazione)
    US/18 (Diritto Romano e Diritti dell'Antichità)
    IUS/19 (Storia del Diritto Medievale e Moderno)

    b) previa verifica della preparazione personale del/la candidato/a, che avverrà attraverso la valutazione del Presidente del CdS, su delega del Consiglio, del precedente percorso di studio e sulla base di un colloquio.
    Qualora venga riscontrato un sufficiente numero di CFU acquisiti nelle discipline linguistiche, letterarie e storiche e un percorso formativo adeguato e coerente rispetto al CdS di Filologia Classica e Moderna, il Presidente trasmette i relativi verbali agli uffici competenti per i provvedimenti consequenziali
    Qualora sia rilevato invece un debito formativo, saranno fornite le indicazioni per colmarlo, attraverso il recupero dei crediti mancanti.

    Prova finale

    La prova finale, che comporta l'acquisizione di 10 CFU, consiste nella presentazione con discussione di un saggio scritto, individuale, dal quale dovrà emergere, insieme con l'avvenuto compimento degli obiettivi formativi specifici del corso, il possesso da parte del candidato di maturità critica, capacità di rielaborazione e metodo chiaro di ricerca. Dall'elaborato finale dovranno potersi altresì evincere capacità di comunicazione dei risultati e di integrazione di questi in progetti scientifici più ampi.
    La discussione avverrà in seduta pubblica davanti a una commissione di docenti che esprimerà la valutazione complessiva in centodecimi con eventuale lode. Per essere ammesso alla prova finale lo studente dovrà aver acquisito 110 CFU.

    Nell'ordinamento didattico del CdS sono attribuiti 10 CFU al lavoro di tesi di laurea.

    L'argomento, assegnato da un Docente affidatario di insegnamento attivo presso il CdS, può avere carattere teorico, analitico, sperimentale e/o applicativo, purché sia frutto di una concreta esperienza di ricerca. L'elaborato dovrà essere redatto in forma di dissertazione scritta, eventualmente corredata da un supporto multimediale.

    Il Candidato avrà il compito di presentare il suo lavoro sia direttamente sia rispondendo a domande, al fine di evidenziare l'acquisizione di conoscenze e di capacità espositive e applicative previste dal corso e dalla disciplina nella quale verte l'elaborato.

    La discussione avverrà in seduta pubblica davanti a una Commissione formata almeno da 7 docenti, la maggioranza dei quali costituita da Professori e Ricercatori del Dipartimento.

    La Commissione potrà attribuire un punteggio variabile tra un minimo di 0 e un massimo di 7 punti, eventualmente estensibili a 8 a fronte del possibile raggiungimento della votazione più alta (in questo caso, però, senza attribuzione di lode).
    Una premialità supplementare di 1 punto è prevista per quegli studenti che si laureino in corso (cioè entro e non oltre la seduta straordinaria del loro secondo anno di iscrizione).
    Un'ulteriore premialità di 1 punto è prevista per gli studenti che abbiano partecipato alle attività Erasmus, conseguendo CFU in esami di profitto o conducendo comunque attività di ricerca per la tesi di laurea.

    I voti concorrenti a formare la media di base sono pesati in relazione ai CFU conseguiti nel percorso degli esami di profitto e la valutazione complessiva finale è espressa in centodecimi, con eventuale lode (e possibile dignità di stampa) sulla base del giudizio unanime dell'intera Commissione.

    Manifesto degli studi

    Il Manifesto degli Studi, pubblicato annualmente sul sito del Dipartimento nella Sezione Didattica, porta a conoscenza degli studenti l’offerta formativa unitamente alle altre norme e notizie utili a illustrare le attività didattiche.

     

     

    facebook logoinstagram buttonyoutube logotype